Il tuo browser non supporta JavaScript!

La lezione su “Verdi panni, sanguigni, oscuri o persi” (Rvf XXIX) di Benedetto Varchi accademico infiammato

digital La lezione su “Verdi panni, sanguigni, oscuri o persi” (Rvf XXIX) di Benedetto Varchi accademico infiammato
Articolo
rivista AEVUM
fascicolo AEVUM - 2005 - 3
titolo La lezione su “Verdi panni, sanguigni, oscuri o persi” (Rvf XXIX) di Benedetto Varchi accademico infiammato
autore
editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 09-2005
issn 0001-9593 (stampa) | 1827-787X (digitale)
€ 6,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Il contributo portato dalla padovana Accademia degli Infiammati (1540-’42) all’evoluzione del petrarchismo medio-cinquecentesco, non solo in area veneta, viene messo in luce attraverso un’indagine sul programma delle lezioni accademiche dedicate alla poesia toscana, prime attestazioni di una ricerca del linguaggio della critica letteraria. Dal canone dei testi, proposti in particolare da Benedetto Varchi, emerge la predilezione per una scrittura poetica in cui l’altezza dello stile e la densità concettuale trovano corrispondenza, sul piano formale, nella difficoltà tecnica e in marcate soluzioni stilistiche. È il caso della canzone petrarchesca Verdi panni, sanguigni, oscuri o persi, oggetto di una lettura varchiana conservata finora manoscritta, autografa, di cui si dà l’edizione commentata. Condotta nel confronto serrato con i precedenti interpreti, l’impegnata analisi del Varchi offre qualche apporto anche alla storia dell’esegesi petrarchesca nel Cinquecento.

Consulta l'archivio

Pinterest