Il tuo browser non supporta JavaScript!

AEVUM - 2004 - 2

digital AEVUM - 2004 - 2
Fascicolo digitale
rivista AEVUM
fascicolo 2 - 2004
titolo AEVUM - 2004 - 2
editore Vita e Pensiero
formato Fascicolo digitale | Pdf

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Non ci sono informazioni per questo prodotto

Sommario

The anthology of Eugenius of Toledo’s poems in León, fragm. 8: a reconstruction
di Alberto Paulo Farmhouse pagine: 17 € 6,00
Abstract
León, AC fragm. 8 (s. IX2, southern Spain) is an unordered set of ten leaves, which was once part of a high-quality codex containing Juvencus and the carmina of Eugenius of Toledo. Based on codicological and textual evidence, this article proposes a new reconstruction of the original sequence of these surviving leaves, which consequently brings to light the original configuration of the anthology of Eugenius’ carmina.
Un calendario del secolo X in uso nella basilica di San Giovanni Battista in Monza
di Ferdinando Dell'Oro pagine: 64 € 6,00
Abstract
I. “Incipit martirologium Bedae presbiteri”. II. Il “calendario di Monza”: A) Inserzioni come ‘aggiornamento’ del calendario: 1. Simpliciano, vescovo di Milano (15.VIII); 2. Cassiano (5.VIII). B) Inserzioni tipicamente ‘veronesi’ nel calendario: 1. festa di san Zeno (12 aprile); 2. memoria di santa Eufemia al 13 aprile; 3. festa di san Mama (Mammesso) o Mammete; 4. memoria di san Rufo martire di Capua. C) Memoria duplicata dei santi martiri Quirico e Giulitta. III. Il ‘proprium’ del calendario monzese. IV. Elenco delle dedicazioni di chiese in territorio monzese e loro “dies anniversarius”: A) Annotazioni previe. B) Notizie raccolte da Achille Varisco sulle “Ecclesiae burgi et agri Modoetiensis antiquiores”. C) Elenco delle chiese secondo la classificazione di Achille Varisco: a) Chiese in Monza; b) Chiese fuori e presso Monza; c) Chiese della “curtis ecclesiae Sancti Iohannis” in Monza; d) Chiese dipendenti da Monza comprese in territori di altre pievi. V. La “dedicatio sancti Zachariae”: un problema aperto. VI. Verso la conclusione.
Una maculatura liturgica cassinese: il Frammento Sabatini 5
di Giacomo Baroffio pagine: 4 € 6,00
Abstract
Si identificano tutti i testi contenuti nel Frammento Sabatini 5 (Vat. lat. 10646, ff. 48r-51v), celebre breviario neumato di area beneventana del sec. X-XI.
L’Omeliario del monastero di S. Salvatore-S. Giulia di Brescia
di Simona Gavinelli pagine: 33 € 6,00
Abstract
L’Omeliario iemale Par. lat. 797, scritto a Brescia nella metà del sec. XII, proviene dal monastero di S. Salvatore di Brescia che, probabilmente all’epoca di Berengario I (888-924), aggiunse la nuova intitolazione a S. Giulia, prevalente dal sec. XIII in poi. Oltre ad aumentare lo sparuto gruppo di codici superstiti, serve a contestualizzare meglio la fisionomia della silloge omiletica in uso presso la chiesa bresciana nei secoli centrali del Medioevo.
Il problema christianitas in Guiberto di Nogent
di Maria Lodovica Arduini pagine: 32 € 6,00
Abstract
Per indagare adeguatamente il valore ed il significato del termine christianitas che ricorre in due opere di Guiberto di Nogent-sous-Coucy i Dei gesta per Francos e il De sanctis et eorum pigneribus si è ritenuto necessario ripercorrere — sia pur a grandi linee — la stessa storia del termine risalendo alle sue origini ed indicandone l’evoluzione significante dalla prima decade del secondo secolo dopo Cristo al secolo dodicesimo: è così emerso all’indagine che Guiberto fa uso del termine christianitas in una dimensione innegabilmente problematica.
Ambrosianus C 222 inf. (Graecus 886): il codice e il suo autore (seconda parte)
di Carlo Maria Mazzucchi pagine: 30 € 6,00
Abstract
Varie annotazioni dichiarano che il copista principale e possessore del codice fu allievo di Giovanni Tzetzes e di Camatero e collocano la sua attività a Costantinopoli durante il regno di Isacco II Angelo, in un ambiente prossimo alla cancelleria imperiale. Vengono inoltre indicate le fonti testuali per Pindaro, Dionigi il Periegeta e Teocrito. Fra i testi editi si segnala un portolano da Costantinopoli a Cipro e a Rodi.
Un nuovo lessico polisemantico bizantino (Ambr. C 222 inf., ff. 210v-212r)
di Eva Villani pagine: 75 € 6,00
Abstract
Si pubblica un lessico polisemantico, conservato ai ff. 210v-212r dell’Ambrosianus C 222 inf. (vergato alla fine del XII sec.), il cui nucleo fondamentale consta di lemmi originari del Lexicon Homericum di Apollonio Sofista. Essi, confluiti insieme ad altro materiale grammaticale in una redazione non anteriore all’VIII-IX secolo dell’Etymologicum Magnum, probabilmente attestano uno stato recensionale del Grande Lessico Bizantino (che definiamo Proto-Magnum) anteriore a quello accolto da Gaisford e che rivela affinità particolari con un solo testimone della compilazione, il Voss. gr. Q. 20, datato circa al XIII sec.
Su alcune annotazioni di carattere medico contenute in un manoscritto greco (Ambr. C 222 inf., f. 40r)
di Berenice Cavarra pagine: 14 € 6,00
Abstract
Il manoscritto Ambrosiano C 222 inf. (Graecus 886), vergato alla fine del XII secolo, contiene, fra le altre, note di contenuto medico. In particolare quelle che riguardano la flebotomia (f. 40r linee 1- 17) sono di grande interesse per la ricostruzione dei complessi rapporti intercorsi fra medicina bizantina, medicina latina e tradizione alchemica tardomedievale.
Memorie d’Oriente: la traslazione del braccio di san Filippo a Firenze nel 1205
di Miriam Rita Tessera pagine: 10 € 6,00
Abstract
Nel 1205 giunse a Firenze la reliquia del braccio di san Filippo, il cui invio era stato voluto dal patriarca di Gerusalemme Monaco, di origine fiorentina. Attraverso l’analisi dell’Instrumentum translationis redatto per l’occasione, della sua tradizione manoscritta e degli echi che la traslazione della reliquia produsse nelle cerimonie liturgiche cittadine viene messo in luce il valore politico e spirituale che le reliquie provenienti dalla Terrasanta assunsero dall’inizio del XIII secolo per la lotta contro l’eresia e la costruzione dell’identità civica di Firenze, innalzata alla dignità di “nuova Gerusalemme”.
“Legitur enim in legenda quadam...”: sulle fonti di un predicatore milanese del Trecento
di Silvia Donghi pagine: 22 € 6,00
Abstract
Pietro Maineri, frate Agostiniano Eremitano milanese, svolse nel Trecento la mansione di predicatore. Di questo autore ci sono conservate due opere: la serie dei suoi sermoni per il santorale, e una raccolta di materiale predicabile. Per entrambi i testi, Maineri si appoggia ad un modello principale: per quanto riguarda il sermonario, questo modello risulta essere la Legenda Aurea di Jacopo da Varazze, mentre il secondo testo raccoglie excerpta dall’Historia Scholastica di Pietro Comestore. In entrambi i casi, però, non mancano spunti e rielaborazioni originali del predicatore, nonché inserimenti di fonti alternative alle due principali.
Gli statuti canonicali della chiesa plebana di Bollate nel secolo XIV
di Mara Sorte pagine: 11 € 6,00
Abstract
Nell’Archivio Plebano di Bollate sono conservate venticinque pergamene, quasi tutte inedite, di cui la più antica risale al 1039. A testimonianza della vita canonicale della Chiesa Collegiata Plebana esistono, conservati in copia nell’Archivio storico diocesano di Milano, gli Statuti Canonicali redatti nel 1346, di cui si dà l’edizione.
La zoologia di Aristotele nel medioevo: recenti edizioni
di Pietro B. Rossi pagine: 39 € 6,00
Abstract
Nella rassegna si esaminano e si discutono — anche con l’apporto di altri dati — le edizioni curate da A.M.I. van Oppenraaij delle traduzioni di Michele Scoto del De partibus animalium e del De generatione animalium di Aristotele, l’edizione della compilazione Liber de animalibus di Pietro Gallego, curata da J.M. Gázquez, e l’edizione della traduzione di Guglielmo di Moerbeke del De historia animalium (vol. I, libri I-V), portata a termine da P. Beullens e da F. Bossier. Si dà anche notizia del volume degli atti del convegno su Aristotle’s Animals in the Middle Ages and Renaissance, tenutosi a Lovanio nel 1997, e del saggio di S. Perfetti sull’esegesi rinascimentale dei trattati aristotelici sugli animali.
Recensioni
pagine: 30 € 12,00
Abstract
M. MCCORMICK, Origins of the European Economy. Communication and Commerce, AD 300-900 (P. Cesaretti), p. 615 - E. MERCATILI INDELICATO, Storia degli Umiliati a Lodi, Parte I: Secoli XII-XIV (P. Conte), p. 624 - Viaggiare nel medioevo, a c. di S. GENSINI (R. Bellini), p. 628 - Talking to the Text: Marginalia from Papyri to Print. Proceedings of a Conference held at Erice, 26 September – 3 October 1998, ed. by V. FERA - G. FERRAÙ - S. RIZZO (A. Sottili), p. 633 - I manoscritti della letteratura italiana delle Origini. Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale, a c. di S. BERTELLI (G. Frasso), p. 640
Annunzi bibliografici
pagine: 10 € 6,00
Abstract
Cantici di Romano il Melodo, a c. di R. MAISANO (C.M. Mazzucchi), p. 645 - D’A. S. AVALLE, La doppia verità. Fenomenologia ecdotica e lingua letteraria del Medioevo romanzo (A.M. Finoli), p. 646 - Meda 1252. Arbitrato tra Monastero e Comune, a c. di A. ALBUZZI (R. Bellini), p. 648 - Les langues de l’Italie médiévale, par O. REDON et L. BATTAGLIA RICCI, P.G. BELTRAMI, J. BRUNET, A.J. GRIECO (P. Gresti), p. 648 - THOMAS D’ALERAN, Le Chevalier errant, édité par D. CHAUBET (R. de Cesare), p. 650 - M. MONTANARI, San Colombano al Lambro e il suo colle. Da Ariberto d’Intimiano ai Visconti (secc. XI-XVI) (R. Mambretti), p. 651 - M. BONFIOLI, Bisanzio e l’Italia. Scritti di archeologia e storia dell’arte, a c. di A.G. GUIDOBALDI e A. IACOBINI (P. Cesaretti), p. 653
Permalink per :

Consulta l'archivio

Pinterest