Questioni testuali castiglionesche: attribuzione, tradizione, commento (con una glossa sulle «Rime» del Bembo) - Uberto Motta - Vita e Pensiero - Articolo Aevum Vita e Pensiero

Questioni testuali castiglionesche: attribuzione, tradizione, commento (con una glossa sulle «Rime» del Bembo)

digital Questioni testuali castiglionesche: attribuzione, tradizione, commento (con una glossa sulle «Rime» del Bembo)
Articolo
Rivista AEVUM
Fascicolo AEVUM - 2007 - 3
Titolo Questioni testuali castiglionesche: attribuzione, tradizione, commento (con una glossa sulle «Rime» del Bembo)
Autore
Editore Vita e Pensiero
Formato Articolo | Pdf
Online da 03-2007
Issn 0001-9593 (stampa) | 1827-787X (digitale)
€ 6,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

B. Castiglione’s literary production is examined. Both tradition and attribution of his lyrics are discussed, particularly the case of two-handed texts: the eclogue Tirsi, written in 1508 in cooperation with his cousin Cesare Gonzaga, and the Epistle addressed to Pope Leo X by Castiglione and his friend Raphael (1519). About The Book of the Courtier, three different matters are presented: the chronological and thematic link between the genesis of the Book and the Epistle De Guidubaldo Urbini Duce to King Henry VII (1508); the linguistic review of The Courtier overhauled by G.F. Valier, before printing; and eventually two problems of interpretation, that is (i) identification of reliable sources and (ii) restoration of the cultural context.

Inserire il codice per attivare il servizio.